CORONAVIRUS: OVSE, PER FESTE NATALE CONSUMO SPUMANTE A -12% 

 

Ultime notizie di Economia in Abruzzo - CORONAVIRUS: OVSE, PER FESTE NATALE CONSUMO SPUMANTE A -12%

 

(ASIpress) - Tagliacozzo (L'Aquila) 13 dic. 2020 - Il coronavirus continua a condizionare le abitudini degli italiani, anche in prossimità delle feste di natale, capodanno ed epifania. 66/67 milioni i tappi di bottiglie di spumanti che si stapperanno (-12% rispetto ai 75/76 milioni del 2019) nei 30 giorni fatidici di feste e di fine anno. Un brindisi che non mancherà sulle tavole degli italiani, ma virtuale. Più consumi domestici, più regali con sole bottiglie di spumante. Enoteche e gastronomie salvano il canale horeca. Le bollicine italiane non crollano, ma cambiano scenari, modi, tempi, piaceri, convivialità. Purtroppo un danno economico molto pesante: 60 mln/euro in meno nelle cantine; oltre 150 mln/euro al consumo in poco più di un mese. Si potrebbe pensare a un contenimento del danno, se non si avesse già perso il 18% in valore e il 20% in volumi nei precedenti mesi per i vini in generale. E-commerce e pacchi dono, un +8% di volumi nella Gdo per i vini spumanti e un +3% per i vini fermi, riducono le perdite. "Vogliamo rinunciare il meno possibile, puntare sulla convenienza, lasciare alle spalle un anno horribilis" queste le risposte quasi unanimi degli italiani intervistati, come succede dalle festività del 1991, da osservatorio OVSE. Verso la chiusura del 2020: anno peggiore del trentennio per il vino italiano. Giù spedizioni e distribuzione Horeca, boom e-commerce e digital experience. Gdo cardine della resilienza. I "ristori" promessi non arrivano e non coprono il danno. (ASIpress) Red - Economia Abruzzo - cod.45801 (13/12/2020 16:47:53) Stampa notizia