CORONAVIRUS: CONFINDUSTRIA, CROLLA PRODUZIONE INDUSTRIALE 

 

Ultime notizie di Economia in Abruzzo - CORONAVIRUS: CONFINDUSTRIA, CROLLA PRODUZIONE INDUSTRIALE

 

(ASIpress) - L'Aquila 4 dic. 2020 - L'impatto della pandemia sui livelli di attività dell'industria manifatturiera della provincia dell'Aquila è stato immediato e violento, con una diminuzione della produzione, nei primi due mesi di lockdown, del 40%, anche se con un profilo fortemente disomogeneo a livello settoriale, che varia dal - 92,8% del settore dei prodotti in pelle al -5,5% del farmaceutico. Il deficit della crescita è strutturale, anche a causa del crollo della componente pubblica degli investimenti, in costante flessione dal 2011. E' quanto si evince dall'analisi di Confindustria L'Aquila Abruzzo Interno sulla base del Rapporto del Centro studi di Confindustria su "Innovazione e resilienza: i percorsi dell'industria italiana nel mondo che cambia". "Il recupero dei livelli produttivi, da maggio, è stato pressoché istantaneo, così che nel giro di quattro mesi il livello di produzione è tornato intorno ai valori di gennaio con un incremento del 76% rispetto al minimo toccato in aprile", affermano Riccardo Podda, presidenza di Confindustria L'Aquila Abruzzo Interno, e Francesco De Bartolomeis, direttore dell'associazione, "ma le prospettive per i mesi autunnali sono tornate negative, in linea con l'aumento dei contagi a livello globale e con l'introduzione di nuove misure restrittive. E la provincia dell'Aquila non si discosta dall'andamento nazionale, seguendo un trend che rende il deficit di crescita ormai strutturale, anche se, va fatto notare, il rallentamento produttivo dell'Italia e della nostra provincia", dicono Podda e De Bartolomeis, "non costituisce un'anomalia nel confronto internazionale. Rispetto alle altre grandi economie europee il nostro Paese mostra, anzi, una contrazione dei tassi di crescita relativamente contenuta, oltre che una maggiore reattività allo shock pandemico". Sulla contrazione della crescita, evidenzia il Rapporto di Confindustria, "pesa la graduale erosione della domanda interna, che limita la possibilità per i produttori nazionali e locali di trovare spazio sul mercato domestico. Spicca, in questo ambito, il crollo della componente pubblica degli investimenti, mentre la componente privata si è risollevata, anche grazie agli effetti positivi del Piano "Industria 4.0". (ASIpress) Red - Economia Abruzzo - cod.45721 (04/12/2020 10:40:42) Stampa notizia