PARCO ABRUZZO: STRAGE DI CANI NEL VERSANTE LAZIALE 

 

Ambiente Abruzzo - PARCO ABRUZZO: STRAGE DI CANI NEL VERSANTE LAZIALE

 

(ASIpress) - Pescasseroli (L'Aquila) 29 apr. 2020 - Una mano vigliacca ha avvelenato almeno 4 cani a Settefrati (Frosinone), nel versante laziale del Parco nazionale d'Abruzzo. L'episodio stato segnalato nei giorni scorsi da alcuni residenti che hanno subto la morte o l'avvelenamento dei propri animali. Sono intervenuti sul posto i veterinari della Asl di Frosinone, il personale del Servizio di Sorveglianza del Pnalm e i Carabinieri Forestali delle stazioni di Atina e Picinisco. Il 25 aprile c' stata l'ispezione da parte del Nucleo Cinofilo Antiveleno (NCA) dei Carabinieri Forestali della Stazione Parco di Villetta Barrea, che perlustrando l'area ha rinvenuto diversi reperti tra cui i resti di una capra, eviscerata e senza marche auricolari, e alcune ossa. Proprio durante queste operazioni si sfiorata la tragedia perch il pastore belga malinoise Noche, che del NCA componente essenziale insieme al suo conduttore, si intossicato probabilmente fiutando uno dei reperti. Solo grazie all'intervento ed alle cure mediche del veterinario del Parco stato possibile evitare conseguenze gravi per il cane antiveleno che, per fortuna, il mattino seguente aveva smaltito la grave sintomatologia. Tutti i reperti sono stati sottoposti a sequestro da parte dei Carabinieri Forestali della stazione di Atina, che hanno predisposto gli atti per la competente Procura della Repubblica di Cassino. (ASIpress) Red - Ambiente Abruzzo - cod.44256 (29/04/2020 11:42:32) Stampa notizia