ARRESTATO EGITTO: ABRUZZO, SIT-IN AMNESTY INTERNATIONAL PER ZAKI 

 

Cronaca Abruzzo - ARRESTATO EGITTO: ABRUZZO, SIT-IN AMNESTY INTERNATIONAL PER ZAKI

 

(ASIpress) - Pescara 12 feb. 2020 - Venerdì 14 febbraio 2020, dalle ore 19 gli attivisti e le attiviste del gruppo Amnesty International Pescara Chieti si ritroveranno in piazza della Rinascita (piazza Salotto) a Pescara, per chiedere la liberazione di Patrick George Zaki, attivista e studente egiziano di 27 anni che dall'8 febbraio si trova in detenzione preventiva nella città di Mansoura, dove è previsto che resterà per almeno 15 giorni. Zaki era partito da Bologna, dove frequenta un master presso l'Università Alma Mater, per trascorrere un periodo di vacanza nella sua città natale, ma una volta atterrato all'aeroporto del Cairo, durante la notte tra il 6 e il 7 febbraio, è scomparso per 24 ore. Nessuno, nemmeno i suoi genitori, è stato inizialmente informato del suo arresto. Secondo quanto denunciato dai suoi avvocati, Zaki ha già subito minacce ed è stato picchiato e torturato con scosse elettriche. Giacomo Labricciosa, responsabile di Amnesty International per l'Abruzzo Molise ha detto: "La sensazione è che si tratti dell'ennesima persecuzione verso un attivista. I reati imputati a Patrick Zaki, infatti, si riferiscono ad attività di denuncia, di informazione e di critica e sappiamo che in Egitto l'Agenzia per la Sicurezza Nazionale si rende responsabile di rapimenti, torture e sparizioni forzate nel tentativo di incutere paura agli oppositori e spazzare via il dissenso pacifico. Temiamo perciò che la detenzione preventiva di Zaki possa protrarsi per tutta la durata delle indagini e che possa essere torturato di nuovo. E' importante agire subito e agire uniti per chiedere che Patrick venga liberato immediatamente". (ASIpress) Red - Cronaca Abruzzo - cod.43560 (12/02/2020 17:32:27) Stampa notizia