CAPODANNO: SOA INVITA SINDACI ABRUZZO A VIETARE BOTTI 

 

Ambiente Abruzzo - CAPODANNO: SOA INVITA SINDACI ABRUZZO A VIETARE BOTTI

 

(ASIpress) - L'Aquila 29 dic. 2019 - A 48 ore dal Capodanno si ripeterà l'utilizzo di "botti" e fuochi pirotecnici con le consuete notizie di cronaca relative ad incidenti e lesioni più o meno gravi, ma bisogna pensare anche al disturbo degli animali. La Stazione Ornitologica Abruzzese ha predisposto un apposito documento tecnico per dimostrare i rischi e danni ambientali causati da tali attività ed in particolare il forte disturbo alle specie animali selvatiche e domestiche anche all'interno di Parchi e Riserve Naturali. Il documento è stato nuovamente inviato per posta elettronica certificata ai parchi nazionali e ai principali comuni abruzzesi. Non è la prima volta che la S.O.A. interviene per esortare Sindaci ed Enti gestori di aree protette a controllare l'uso dei fuochi pirotecnici e dei petardi, soprattutto nelle aree naturali più intatte d'Abruzzo. Dalla S.O.A. ritengono che "alla luce delle norme sulle aree protette e delle ricerche scientifiche ormai consolidate, siano divenute imprescindibili non solo l'introduzione dei divieti ma anche un'azione di controllo e di educazione per farli rispettarli". Dall'associazione ambientalista invitano tutti i sindaci ad adottare ordinanze che vietano l'uso di botti, anche prevedendo controlli mirati. Alle aree protette la S.O.A. chiede di intervenire per far pubblicizzare e rispettare il divieto previsto dalla legge, in particolare per quei botti e fuochi pirotecnici che per dimensioni, entità del rumore e gittata rappresenterebbero un grave rischio e disturbo non solo per l'uomo. Non si può non sottolineare come numerose specie protette presenti in Abruzzo siano estremamente sensibili al disturbo acustico (basterà ricordare: Orso bruno, Lupo, Lanario, Aquila reale, Gracchio corallino, Gatto selvatico). Infine il rischio incendi. Secondo una statistica dell'allora Corpo Forestale dello Stato lo 0,5% degli incendi colposi in Italia dipende dai fuochi artificiali. Per far comprendere la pericolosità dei fuochi d'artificio per gli incendi boschivi basterà citare che nel Canton Ticino in caso di siccità tali fuochi sono vietati. (ASIpress) Red - Ambiente Abruzzo - cod.43071 (29/12/2019 12:40:42) Stampa notizia