AUTOMOTIVE: LA FOTOGRAFIA DEL COMPARTO ABRUZZO 

 

Economia Abruzzo - AUTOMOTIVE: LA FOTOGRAFIA DEL COMPARTO ABRUZZO

 

(ASIpress) - S. Maria Imbaro (Chieti) 14 nov. 2019 - Quale è lo stato dell'industria automotive abruzzese? Quali sono i mercati di destinazione, le attività di innovazione e industria 4.0 e il fabbisogno delle competenze delle grandi, piccole e medie imprese della nostra regione? Sono le domande a cui ha risposto l'Osservatorio Automotive Abruzzo 2019, presentato per la prima volta ieri a Santa Maria Imbaro, sede del Polo Innovazione Automotive, che ha realizzato l'Osservatorio in collaborazione con l'ITS Sistema Meccanica di Lanciano e il Polo Tecnico Professionale (PTP) per la Meccanica, Meccatronica ed Automazione. In Europa si producono 2,5 milioni di veicoli commerciali (+2%) e una quota del 12% sul panorama mondiale. La produzione in UE vale 1,9 milioni di unità ed è concentrata per oltre l'80% in quattro paesi: Francia, Spagna, Italia e Germania. Lo stabilimento Sevel, in Abruzzo, produce circa 300.000 veicoli; rappresenta circa il 12% dell'intera produzione europea. La filiera automotive regionale è costituita da un gruppo di imprese globalizzate, sia GI che PMI, operanti nel comparto dell'automotive e della meccatronica che comprende anche la subfornitura e la componentistica. Il comparto automotive in Abruzzo è infatti tra i più significativi, tanto da rendere la Regione fortemente industrializzata, con un tasso di industrializzazione superiore alla media nazionale, pari al 27%. La filiera automotive in Abruzzo, in particolare, conta oltre 25 mila addetti (di cui 20mila nella sola provincia di Chieti), 8 miliardi di fatturato, e produce il 55% di export dell'intera regione. Principale committente, in Abruzzo, è FCA, condizionata prevalentemente dalla presenza in Abruzzo della Sevel, il più grande stabilimento europeo per la produzione di veicoli commerciali leggeri. L'Osservatorio ha affrontato anche il tema del fabbisogno delle competenze. Le aziende abruzzesi sembra facciano fatica a trovare personale qualificato, specialmente rispetto ad alcune aree, ma ritengono prioritarie alcune competenze specifiche: soft skills; manufacturing, gestione degli assets e prodotto; ricerca e sviluppo, innovazione, design e progetto. (ASIpress) Red - Economia Abruzzo - cod.42524 (14/11/2019 11:21:39) Stampa notizia