TUTELA AMBIENTE MONTANO ABRUZZO: SIGLATO PROTOCOLLO 

 

Politica Abruzzo - TUTELA AMBIENTE MONTANO ABRUZZO: SIGLATO PROTOCOLLO

 

 

(ASIpress) - Rocca di Mezzo (L'Aquila) 3 gen. 2019 - L'anno nuovo porta con se' la firma del protocollo di collaborazione tra la Regione Abruzzo - Assessorato ai Parchi e Riserve, l'Ente Parco e il gruppo Abruzzo nel Club Alpino Italiano, relativo alla tutela dell'ambiente montano. Firmato ieri, 2 gennaio, presso la sede del parco a Rocca di Mezzo, il documento ha visto apporre la firma del commissario del parco, Igino Chiuchiarelli, dell'Assessore regionale ai Parchi e Riserve, Lorenzo Berardinetti e del presidente del gruppo regionale Abruzzo del C.A.I., Gaetano Falcone. Alla base della stesura dello stesso vi e' la volonta' di porre in essere una serie di attivita' capaci non solo di tutelare la fragilita' del territorio, ma anche di sviluppare progettualita' mirate a renderlo maggiormente fruibile e consapevole del proprio valore. Chiuchiarelli, dopo un rapido resoconto sull'operato dell'ultimo anno, ha sottolineato l'importanza dell'apertura dell'Ente a iniziative di carattere sportivo, ricreativo e promozionale finalizzate alla scoperta della zona montana e, quindi, anche in perfetta sintonia con l'ambiente circostante. La collaborazione tra le parti mirera', attraverso l'istituzione di un apposito gruppo di lavoro, ad analizzare e proporre soluzioni ai problemi piu' delicati legati alla frequentazione e alla fruizione turistico-sportiva di zone sensibili e di particolare valore biologico- paesaggistico, come quelle ricomprese nel Parco. Contribuir, inoltre, a far conoscere le esigenze e le aspettative di un vasto settore di frequentatori animati da un chiaro e inequivocabile scopo di tutela in sincronia con gli obiettivi del Parco stesso. In ultimo sancisce l'importante supporto che il CAI dara' all'ente per meglio conoscere lo stato di salute dei sentieri (presenza di fenomeni erosivi, frane, dissesti vari, che possono pregiudicare la conservazione della biodiversita' e la sicurezza dei tracciati) e per la protezione delle imponenti risorse naturali che ricadono nel territorio del Parco. (ASIpress) Red/Politica/cod.39193 (03/01/2019 16:54:54) Stampa notizia