GARANTE DETENUTI: NUOVO STOP IN ABRUZZO, VERGOGNA 

 

Politica Abruzzo - GARANTE DETENUTI: NUOVO STOP IN ABRUZZO, VERGOGNA

 

 

(ASIpress) - Pescara 12 giu. 2018 - Alla ripresa dei lavori, l'Assemblea legislativa ha messo ai voti l'elezione del Garante dei detenuti: l'esito della votazione ha fatto registrare 15 preferenze per la candidata proposta dalla maggioranza, Rita Bernardini, su 21 consiglieri presenti in aula. La recente modifica alla legge per l'elezione del Garante (legge numero 48 del 2017) prevede che: "Se dopo tre votazioni, effettuate in tre sedute consecutive e comunque non prima di quarantacinque giorni dall'ultima votazione, nessun candidato raggiunge il quorum richiesto dei due terzi, il Consiglio procede ad ulteriore votazione, ed e' nominato Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della liberta' personale il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti dei Consiglieri assegnati.''. Il Consiglio si e' chiuso per la mancanza del numero legale, rinviando tutti i punti restanti all'ordine del giorno. (nella foto Rita Bernardini in un'aula di Tribunale ove spesso e' presente per portare avanti battaglie di liberta'). (ASIpress) Red Stampa articolo in pdf